Poco conosciuto, e quindi meno frequentato, il sentiero 229 è uno dei possibili accessi al Canto Alto partendo da Sorisole. Come altri sentieri, appartiene alla fitta rete di percorsi che il Parco dei Colli di Bergamo ha recuperato e segnalato.

Usato talvolta in discesa per un rientro alternativo a Sorisole, rappresenta una valida alternativa per raggiungere la Forcella del Sorriso e da qui varie altre mete tra cui il Canto Basso, il Canto Alto e il Rifugio Alpini Canto Alto.

Si può parcheggiare nella piazza del paese oppure imboccare via Premerlino, a destra della piazza. Dopo un breve tratto in discesa è possibile lasciare la macchina in qualche piazzola oppure proseguire con l’auto in direzione di Catene. Salendo si deve prende a sinistra via del Ferizzo (capitello), poco prima delle case si incontra un piccolo parcheggio e qualche piazzola. Dalla frazione di Catene (480 m) il sentiero 229 prende in salita una bella mulattiera ancora ben mantenuta, che sale rapidamente passando rasente ad alcune aree coltivate. 

Poi diventa un sentiero talvolta ripido, spesso gradonato, mai impegnativo. Si incontrano solo pochi segnavia e alcuni bivi non sono segnalati per cui bisogna prestare molta attenzione a seguire il sentiero principale tralasciando le deviazioni. 

Nella parte finale il sentiero spiana e ci conduce alla forcella del Sorriso (759 m), importante punto di incrocio dei sentieri provenienti dalla Maresana, da Olera e dal Canto Basso.

Proseguiamo ora per il sentiero 302 che rimonta la dorsale e conduce alle Stalle di Braghizza. Superato un edificio in alto sulla sinistra incontriamo un bivio, i cartelli indicano a destra ma possiamo prendere anche quello di sinistra in quanto poi i due sentieri si ricongiungono.

Arrivati a località Campanua (910 m) prendiamo il sentiero 212 che con un lungo traverso in leggera salita raggiunge l’altra dorsale che scende dal Canto Alto in località Forcellino (948 m). Sopra di noi possiamo già intravvedere la grande crode della cima del Canto Alto.

In questo tratto attraversiamo delle ampie radure prative in cui è in corso un intervento di taglio degli arbusti da parte del Parco dei Colli di Bergamo volto ad impedire il rapido incespugliamento dei prato-pascolo. Fino ad alcuni decenni fa queste aree prative venivano utilizzate per lo sfalcio. La loro presenza rappresentava l’habitat naturale di molte specie vegetali, anche molto rare. Qualora il bosco prendesse il sopravvento, queste importanti specie (tra queste alcune rare orchidee) scomparirebbero da questi luoghi e forse da tutto il territorio del Parco dei Colli di Bergamo.

Dalla forcella si stacca il sentiero 215 che con un ultimo strappo ci porta al Rifugio Alpini Canto Alto gestito dall’Associazione Nazionale Alpini di Sorisole) dove, nei giorni di apertura, è possibile pranzare ed anche pernottare (035.5780114 – 348.8142601).

Da qui si prosegue per il sentiero 507 fino alla croce della cima Monte Canto Alto (m 1146).

Per la discesa si può proseguire per il sentiero 507 in direzione opposta verso le Stalle di Braghizza (1040 m). Arrivati ad una forcella si prende il sentiero 302 che scende rapidamente prima a località Campanua (già incontrata all’andata) e poi alla forcella del SorrisoContinuando a scendere per il sentiero 209 raggiungiamo abbastanza rapidamente la frazione di Catene da cui eravamo partiti.

Come si arriva a Sorisole:

All’uscita dell’autostrada a Bergamo seguiamo le indicazioni: Valle Brembana e Valle Seriana. Dopo circa 5 Km teniamo a sinistra la Provinciale per Valle Brembana e Valle Imagna.
Arrivati a Ponteranica prendiamo sulla destra la SP 12 e la seguiamo fino a Sorisole. Una volta arrivati possiamo lasciare qui l’auto o provare a proseguire verso Catene ma salendo le possibilità di parcheggio diminuiscono.